.: IL DIO :.

Il Dio è stato venerato per secoli. Non è né la divinità severa ed onnipotente della Cristianità e del Giudaismo, e non è neanche semplicemente il consorte della Dea. Dio e Dea, loro sono uguali, una cosa sola. Noi vediamo il Dio nel Sole, che splende brillante su di noi per tutto il giorno, sorge e tramonta in un ciclo infinito che governa le nostre vite. Senza il Sole noi non esisteremmo; perciò è stato venerato come la fonte di tutta la vita, il calore che fa irrompere la vita nei semi addormentati, risveglia il verdeggiare della Terra dopo le freddi nevi dell’inverno. Il Dio è anche protettore degli animali selvaggi. Come il Dio Cornuto, talvolta Lo si vede indossare delle corna sulla testa, a simboleggiare la sua connessione con queste bestie. In tempi antichi, la caccia era una di quelle attività che si credeva fosse governata dal Dio, mentre la addomesticazione degli animali era vista orientata verso la Dea. Il dominio del Dio comprende le foreste non toccate dalle mani umane, i deserti infuocati, e le montagne torreggianti. Le stelle, visto che non sono altro che Soli distanti, si crede talvolta siano sotto il Suo dominio. Il ciclo annuale di fioritura, maturazione e raccolto, è stato a lungo associato al Sole, da cui le feste solari in Europa (discusse più avanti nel Capitolo Otto: I Giorni del Potere) che sono ancora osservate nella Wicca. Il Dio è il raccolto pienamente mietuto, il vino inebriante spremuto dall’uva, il grano dorato che ondeggia in un campo solitario, le mele luccicanti che pendono dai rami in foglia nei pomeriggi di Ottobre. Con la Dea, inoltre, Egli celebra e governa il sesso. La Wicca non evita il sesso o non ne parla a bassa voce. È parte della natura e come tale è accettato. Dato che porta piacere, fa passare la nostra consapevolezza oltre il mondo quotidiano e fa perpetuare la nostra specie, si ritiene che sia sacro. Il Dio ci suggerisce con lussuria il bisogno di assicurare alla nostra specie un futuro biologico. I simboli usati spesso per raffigurare o venerare il Dio comprendono la spada, i corni, la lancia, la candela, l’oro, l’ottone, il diamante, il falcetto, la freccia, la bacchetta magica, il tridente, il coltello ed altri. Le creature sacre a Lui comprendono il toro, il cane, il serpente, il pesce, il cervo, il drago, il lupo, il cinghiale, l’aquila, il falco, lo squalo, la lucertola, e molti altri.